Gli emiri stanno costruendo il nuovo grattacielo più alto del mondo, una città grande come Torino e un aeroporto da 240 milioni di viaggiatori

fonte: wired.it

L’obiettivo dichiarato degli emiri di Dubai è di concludere i cantieri dell’Esposizione universale 2020 con un anno di anticipo. Il traguardo è fissato all’ottobre del 2019, così gli emiratini avranno dodici mesi di tempo per le finiture. Il sito è ancora una spianata nel deserto, ma due giorni fa il comitato organizzatore ha comunicato che entro la fine dell’anno assegnerà 47 contratti per la costruzione di Expo. Valore complessivo: 3 miliardi di dollari. Finora l’unico appalto di peso assegnato è quello per la rete di infrastrutture sotterranee, come tubature dell’acqua, fibra ottica, elettricità, vinto dalla joint venture tra gli egiziani di Orascom e i belgi di Besix, per 544 milioni di dollari.

Tuttavia il sito di Expo è solo uno dei mega-progetti che Dubai e i vicini di casa degli Emirati arabi uniti intendono consegnare entro il 2020: un treno hyperloop, un aeroporto da 160 milioni di passeggeri l’anno, il futuro grattacielo più alto del mondo, solo per citarne alcuni.

È lungo il catalogo faraonico di costruzioni avveniristiche e roboanti, come la città di Aladino, che hanno come traguardo l’inaugurazione di Expo.

Una veduta di Masdar City
Una veduta di Masdar City

Negli scorsi decenni gli emiri sono stati capaci di coprire di cemento il deserto in poco tempo. Tuttavia l’ultimo piano ciclopico, quello di Masdar City, la città “emissioni zero” che si alimenta della sola energia del sole, è in ritardo e la conclusione dei lavori, fissata allo scorso anno, è slittata al 2030. “A Dubai si contano 400 progetti di energia verde per un controvalore di 64 miliardi di dollari – spiega Gianpaolo Bruno, direttore dell’ufficio di Dubai dell’Istituto per il commercio estero -. Di questi 160 valgono più di 100 milioni di dollari”.

Questa febbrile corsa al record ha un prezzo e non solo in termini di denaro. L’organizzazione non governativa Human Right Watch denuncia le condizioni di lavoro della manovalanza nei cantieri: operai sottopagati, ricattati, sistemi in casupole precarie. Spesso i datori di lavoro sequestrano i passaporti degli immigrati (sopratutto da Pakistan, Bangladesh e Sri Lanka) e se i lavoratori tentano di far sentire la loro voce, interviene la repressione dello Stato. La filiera dell’oro, di cui Dubai è una piazza di scambio globale, sfrutta il lavoro minorile. E gli emiri usano lo stesso pugno con chi muove una critica al loro operato. Nessuna opposizione è contemplata nel deserto che sogna di diventare la metropoli del futuro: in pochi anni gli Emirati vogliono cambiare faccia con dieci mega-progetti.

Sito Expo

Il padiglione della sostenibilità a Expo Dubai 2020
Il padiglione della sostenibilità a Expo Dubai 2020

L’Esposizione universale di Dubai 2020 si intitola Connecting minds, creating the future (Connetterre le menti, creare il futuro) ed è la prima che si svolge in Medioriente. Gli emiri si attendono 25 milioni di visitatori dal 20 ottobre 2020 al 10 aprile 2021, di cui il 70% dall’estero. Cantieri, gestione del sito e indotto genereranno 277mila posti di lavoro, il 40% dei quali nel turismo, e il Fondo monetario internazionale stima un aumento del Pil degli Emirati nell’ordine del 2%-3%. Il sito costerà 8 miliardi di euro e dopo l’Expo sarà trasformato in università e centro di ricerca. Una metropolitana sotterranea collegherà i padiglioni. Il villaggio dei delegati sarà una cittadella con tremila appartamenti, 1.500 stanze di albergo e undici parcheggi.

L’aeroporto Al Maktoum

Una veduta notturna del futuro aeroporto di Al Maktoum
Una veduta notturna del futuro aeroporto di Al Maktoum

Abu Dhabi e Dubai distano circa un’ora e mezza di strada l’una dall’altra. Tuttavia gli emiri hanno deciso di investire sull’aeroporto Al Maktoum di Dubai, che sorge a fianco del sito di Expo, e farne uno scalo internazionale. I lavori si articoleranno in due fasi e costeranno 32 miliardi di dollari. Il Dubai World Central avrà cinque piste da 4,5 chilometri l’una. Le previsioni per la prima fare sono di 120 milioni di passeggeri l’anno, poco meno dell‘intero traffico degli scali italiani nel 2016 (dato Assaeroporti). Al termine lo scalo potrà contenere fino a 240 milioni di passeggeri. Il progetto è così ambizioso che Sace, la compagnia pubblica che assicura le commesse italiane all’estero, ha aperto una linea da un miliardo di euro. La statunitense Lane, controllata dalla romana Salini Impregilo, si è già assicurata l’appalto per la recinzione.

Dubai South

Una veduta di Dubai South
Una veduta di Dubai South

Se le tremila abitazioni dell’Expo village non fossero sufficienti, Dubai sta progettando un’intera nuova città a sud dei padiglioni dell’evento. Dubai South, il nome del centro, che gli emiri vogliono trasformare nella “città della felicità”. Una sorta di prova su strada di tecnologie e confort che dovrebbero migliorare la vita di chi abita nelle metropoli. L’obiettivo è di allentare la congestione del traffico sulla città vecchia, offrendo a un milione di persone casa in un nuovo quartiere di 145 chilometri quadrati. Per intenderci, gli emiri stanno costruendo una nuova città grande poco più di Torino, appiccicata al nuovo aeroporto e all’Expo. Alcune case sono già in vendita. Prezzo di partenza: 76mila dollari.

Treno Hyperloop

La posa dei primi tubi del treno Hyperloop
La posa dei primi tubi del treno Hyperloop

In attesa che gli Stati Uniti prendano posizione, Hyperloop, la compagnia dei treni a levitazione magnetica, ha trovato negli Emirati arabi i finanziatori per una prima rete ferroviaria iperveloce. Alla fine dell’anno scorso la società legata a Elon Musk ha annunciato che costruirà una linea Hyperloop in Medio Oriente. Per andare da Abu Dhabi a Dubai serviranno 12 minuti. Dodici minuti per 157 chilometri. I 1.100 chilometri verso Rihad si copriranno in 48 minuti e altri 23 minuti per i 700 chilometri per Doha. Le capsule a levitazione magnetica possono viaggiare fino a 800 chilometri orari. Il progetto per ora non ha una data di consegna, ma il traguardo di Expo è allettante.

Torre Calatrava

La torre Calatrava
La torre Calatrava

A ottobre sono state gettate le fondamenta della torre di Santiago Calatrava, il prossimo grattacielo più alto del mondo, che erediterà il titolo dal vicino Burj Khalifa. La costruzione supererà di una “tacca” gli 828 metri del gigante emiratino e sarà retta da un intricato sistema di tiranti. La guglia infinita si staglierà al centro di due palazzoni che faranno da quinte scenografiche e al centro di una giungla di grattacieli anonimi. La torre di osservazione si colloca al centro di un intervento urbanistico più esteso, quello del Creek Harbour. Sei milioni di metri quadri sul fronte del porto saranno trasformati in un nuovo quartiere della città entro il 2020. Per Expo Calatrava firmerà anche il padiglione degli Emirati arabi, a forma di falco.

Città di Aladino

Aladdin City
Aladdin City

A poca distanza dal Creek Harbour, 450 metri per la precisione, sorgerà Aladdin City. Il complesso di case e centri commerciali adagiata sull’acqua è ispirato alle favole di Aladino e di Sinbad. La costruzione dei fabbricati, valore 500 milioni di dollari, è cominciata l’anno scorso e dovrebbe completarsi entro il 2018. La città di Aladino si aggiunge alla serie di interventi sul fronte mare, come gli arcipelaghi a forma di palma che sono sorti intorno a Dubai. Là dove oggi si trovano le banchine del porto, per l’Expo gli emiri sognano di veder brillare tre torri costruite come palafitte. La forma a cipolla e il rivestimento dorato potrebbero ricordare, con un po’ di immaginazione, la lampada di Aladino, da cui il nome del progetto.

The Frame

The Frame
The Frame

Quante volte viene da dire, davanti a un tramonto mozzafiato sul mare, a una catena svettante di monti o alla distesa formicolante di una città, “Che paesaggio da incorniciare”. Gli emiri hanno preso la frase alla lettera e hanno sborsato 43,5 milioni di dollari per un edificio a forma di cornice, da cui il nome inglese di The frame, nel parco di Zabeel. Le due torri, alte 150 metri, sono collegate da un ponte di 100 metri, con caffè e belvedere panoramico, per scattare foto alla Dubai vecchia e ai nuovi quartieri. I costruttori si attendono oltre due milioni di visitatori l’anno.

Mall of the World

Il modellino 3D del Mall of the World
Il modellino 3D del Mall of the World

Sarà il centro commerciale più grande al mondo, anche se il progetto è stato ridimensionato. Per intenderci, contavano di costruire 100 alberghi all’interno, ne realizzeranno 80. Gli emiri presentano il futuro Mall of the World come la più grande città pedonale a temperatura controllata, visto che sarà condizionata 24 ore su 24 come tutti gli interni di Dubai, se si vuole sopportare l’arsura del deserto, ma nei fatti è il riconoscimento di uno dei titoli della città. “E’ la seconda destinazione per shopping al mondo dopo Londra”, spiega Giovanni Bozzetti, fondatore dello studio Efg Consulting ed esperto dei Paesi del Golfo. Il progetto coprirà un’area di poco meno di otto milioni di metri quadri e sotto la grande cupola di vetro al centro ospiterà un parco divertimenti, oltre a cinema multisala, uffici, ristoranti e una serie di teatri dove gli emiri vogliono mettere in scena il meglio del cartellone di Broadway e del West end.

Musei

Il Guggenheim di Abu Dhabi
Il Guggenheim di Abu Dhabi

Dell’indotto turistico dell’Expo di Dubai contano di beneficiare tutti gli emirati. Specie Abu Dhabi, se il treno hyperloop realizzerà collegamenti in dodici minuti tra le due città. Anche Abu Dhabi è in fase di espansione e l’isola di Saadiyat è il fulcro dei cantieri. Qua sorgeranno tre musei: un polo distaccato del Louvre, dove saranno ospitate a rotazione opere delle gallerie francesi; una versione gigante del Guggenheim; il Zayed museum, sulla storia degli emirati. Tutti i palazzi hanno firme altisonanti: il progetto del Louvre è opera di Jean Nouvel, Frank Gehry ha curato il secondo e Foster + Partners il terzo. Sorgerà anche un centro per le arti su disegno di Zaha Hadid e Tadao Ando ha progettato il museo del mare. Sulla barca delle archistar non manca più nessuno. Solo per il Louvre, tra costruzione e diritti sul nome in concessione, gli emiri sborseranno oltre 1,3 miliardi di dollari. L’apertura è stata fissata per quest’anno. Come quella del museo del futuro, che aprirà a Dubai. Costo: 136 milioni di dollari.

Città della salute

Il progetto della città della salute
Il progetto della città della salute

Secondo la banca Alpen Capital, nel 2020 gli Emirati potranno offrire 13.800 posti letto negli ospedali. Dubai ambisce a diventare un polo per il turismo sanitario della zona, tanto che gli investimenti al 2020 ammontano a 19,5 miliardi di dollari. A nord di Dubai sta sorgendo una città della salute, che offre prefabbricati per cliniche, ospedali, centri di ricerca nel campo delle scienze della vita, palestre per la riabilitazione e spa agli investitori internazionali. Il complesso occuperò 240 ettari ed è considerato zona franca, in modo da aggirare le leggi emiratine che impongono alle aziende straniere che vogliono fare affari nell’area di avere un partner locale al 51%.

 

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here